Vuoti di memoria

Sempre con la mia bottega collocata in una zona prettamente residenziale, persone quasi tutte facoltose e anche fra i ricchi ci sono i cafoni, i gentili ed i bizzarri... Fra cui lei, una ragazza grossomodo dell'età mia, carina, una buona cliente ma che secondo me vive in un universo tutto suo, sotto Natale s'incantò davanti alle luci natalizie, una volta

rimase fuori dalla bottega vuota a fissare il vuoto...mi entra in negozio Lei: "Allora il pane, i salumi ed una marca da bollo" Io:" Signora non faccio tabacchi..." Lei: "Ma come avanti ieri dopo aver preso il pane mi avete fatto la ricarica"

Io: "vedrà che era il tabaccaio di fronte " Lei: "ah ok scusi sa ma soffro di vuoti di memoria, un giorno sono andata al supermercato e sono uscita a mani vuote perchè non ricordavo proprio niente di ciò che dovevo prendere...tornata a casa mi ha preso in giro anche la donna di servizio "

Io: "E vabbè dai succede " Lei: "Ok pago queste cose e poi vado subito a comprare il biglietto prima me ne scordi..."

...la marca da bollo...penso...

Clienti che fanno tenerezza