Voglia di Mandarti a F...


Sono un artigiano materassaio, fine giornata di venerdì, dopo aver concluso le varie consegne mi attardo in azienda per portarmi avanti con il lavoro in previsione del lunedi, ma all'improvviso come le trombe celesti che annunciano l apocalisse, eccoci che suona la campanella della porta che annuncia l ingresso di un cliente:

CL:buona sera volevo informazioni su i materassi. Io: certo signora, a quale modello è interessata?

CL: non lo so mi dica lei. Inizio ad alenarle tutti i modelli da noi prodotti e i vari prezzi e le lancette dell orologio corro inesorabili arrivando alle 20, ma la cliente sembra che una casa non ce l abbia, fino a quando non esordisce con una domanda che sancisce l inizio della fine:

CL: ma i materassi li fate voi? Io: certo signora. CL: aaaahhh ecco perché sono così brutti, sa io sarta.

Io: ah è sarta!?!, venga con me allora. L accompagno dalla zono espositiva alla zona produttiva, accendo le luci e:

Io: guardi lì c'è la stoffa, li, c'è la macchina da cucire, li c'è la gomma, se è più brava lei se lo faccia.

CL: lei non sa trattare i clienti

Io: e lei non conosce l educazione, quindi se ne vada perche se fatto tardi ed al contrario suoi io ho una casa a cui tornare.

Avrò perso un cliente e un possibile guadagno, ma credetemi quella senzaione di soddisfazione fu imbattibile