Signora, cambi pastiglie...


Reparto macelleria...

Non di primo pelo direi, 10 anni passati a contatto con il pubblico.

Una signora, nota per cercare di riportare in negozio la qualunque per riavere i soldi, si avvicina.


Cliente: ho comprato un coniglio e ho dovuto buttarlo, una cosa indescrivibile.

Io: mi spiace, ha lo scontrino? Il prodotto immagino lo abbia gettato, le faccio il reso.

Cliente: no, insieme al coniglio ho gettato anche quello. (perché?)

Io: beh mi spieghi il problema!


Cliente: il muso non mi piaceva e ho buttato la testa. (chiaro, immagino che le trote le guardi negli occhi per capire il carattere.) Il fegato conteneva una capsula tipo quella delle pastiglie, e poi ha cambiato colore una volta tolto dal frigo.


Io, nonostante le cretinate precedenti: ma si è ossidato, scurito?

Cliente: no no, ha cambiato almeno quattro o cinque colori.

Ora, chi gli spiega che le pastiglie che prende da Franchino non sono cardio aspirine?