La pazienza...virtù di pochi.


In un laboratorio di prelievi non sempre è possibile rispettare i tempi degli appuntamenti perché ci sono mille variabili: un paziente che si sente male o che ha bisogno di qualche minuto in più per riprendersi, oppure non si riesce a trovare la vena subito al primo tentativo.

Non è umano sbattere fuori una persona che è a digiuno e non se la sente subito di alzarsi in piedi... magari la persona è disabile oppure è semplicemente anziana e ha bisogno di una parola che la rassicuri... dall'altro canto è disumano sentirsi gridare. contro come dei pazzi

perché sul foglio c'è scritto le 10.00 e sono le 10.13 (parole del paziente) e ancora non è il proprio turno e si hanno degli impegni inderogabili da un'altra parte...